contattaci:   +39 335 5365762     info@castellodangio.it

SANISAPORIBIO
portiamo sulle vostre tavole
i sapori genuini di un tempo

striscia topbanner

CARCIOFO ROMANO 500 GR.

I carciofi, cynaria scolymus, sconosciuto allo stato selvatico deriva da selezionamenti del cardo (Cardo Cardunculus).

Description

Proprietà

Le proprietà medicinali dei carciofi sono conosciute da tempo antichissimo, apprezzati dai Greci e dagli Egizi. La pianta del carciofo ha un fusto eretto che può raggiungere un metro d'altezza, i frutti possono essere con spine, senza spine e di piccolo formato.

Un buon carciofo deve avere le seguenti caratteristiche: punta chiusa, foglie esterne di colore verde scuro, interne tenere, assenza di peluria, gambo tenero e senza ammaccature. Le qualità più apprezzate sono: i romani, di Chioggia, campani, sardi.

Nella prima raccolta si ottengono una decina di carciofi per pianta, che in seguito rigenera producendo un certo numero di carciofi più piccoli e teneri.

Effetti farmacologici

Il carciofo è un alimento tonico e digestivo,contiene molto ferro, le attività farmacologiche più note sono: Coleretica, la Cinarina contenuta nel carciofo provoca un aumento del flusso biliare e della diuresi. Epato-protettrice, è l'azione più conosciuta e utilizzata.

Anche il Cardo Mariano precursore del carciofo è utilizzato allo stesso scopo. Ipocolesterolemizzante, allo stato attuale è l'azione più importante e studiata.

La Cinarina contenuta nel carciofo in una buona quantità è risultata avere un importante ruolo nell'abbassare il livello del colesterolo.

Tale effetto farmacologico è stato dimostrato da numerosi studi scientifici. Le dosi terapeutiche di Cinarina variano da 60 mg a 1,5 g. Le sostanze contenute nel carciofo sono assolutamente prive di tossicità.

Per trarre beneficio di queste straordinarie qualità curative, bisognerebbe assumere una quantità di carciofo fresco pari a 100-300 g al dì per un periodo abbastanza prolungato.

I benefici di quest'ortaggio non devono essere vanificati con una scorretta cottura, vanno eliminate le tradizionali e succulente ricette:carciofi alla giudea o giudia, carciofi fritti carciofini sott'olio...

Ricette consigliate

Le semplicissime ricette riportate sono in grado di salvaguardare sia le capacità organolettiche che le proprietà medicinali. Carciofi cotti con pentola a doppio fondo: piccole porzioni di carciofo, private delle foglie più esterne, vanno lavate in acqua corrente e versate nella pentola a doppio fondo senza sgocciolarle. La pentola, chiusa con il suo coperchio, va posta su un forellino a fuoco lento.

Raggiunta l'ebollizione, della poca acqua presente, si spegne la fiamma e si lascia a riposo per un'ora senza togliere il coperchio. Gli ortaggi cotti con questo semplice metodo esaltano il loro gusto originale permettendo un'ottima degustazione senza l'uso di condimenti.

Carciofi in pinzimonio o crudi: per questa semplicissima ricetta si utilizzano i carciofi più piccoli e teneri tagliati a piccole porzioni.

Le parti di carciofo in precedenza lavate vanno condite con olio, sale e limone. Carciofi lessi: i carciofi tagliati a fettine si versano in una pentola con poca acqua, a cottura avvenuta si condiscono con olio sale e limone.

Consiglio del farmacista

Il carciofo alla luce dei più recenti studi deve essere considerato un autentico toccasana. Il suo uso dovrebbe entrare nella quotidianità alimentare d'ogni individuo, e in particolar modo in quei soggetti che hanno o potrebbero avere, per ragioni ereditarie, un livello di colesterolo superiore alla media.

Negli anni sessanta un famoso amaro a base di carciofo (Cynar), era pubblicizzato con il seguente slogan: "Contro il logorio della vita moderna"; sarebbe il caso di riportare in auge questa definizione ma associandola ad un uso più razionale e corretto.

nicnatura